Passa ai contenuti principali

Staff Benda Bilili: Très très fort (recensione album)

Staff Benda BililiIl nome Staff Benda Bilili non è noto, ma è degno di grande attenzione. Si tratta di una band a dir poco interessante, che va conosciuta e ascoltata. È composta da otto musicisti di strada che hanno una particolarità: sono tutti paraplegici e vivono nei dintorni dello zoo di Kinshasa, in Congo. Il più giovane, considerato il virtuoso del gruppo, ha 17 anni e suona la chitarra; il più anziano ne ha 55. Si muovono su eccentrici e fantasiosi tricicli artigianali, dalle fogge personalizzate.

Ora hanno realizzato un cd di notevole pregio, “Très très fort”, edito dall’etichetta belga Crammed Disc, che per l’Italia si appoggia a Materiali sonori.

Nella loro musica si intrecciano sonorità che hanno le loro radici nella cultura locale, pur espandendosi fino a contenere echi cubani, rhythm and blues, reggae e funky. Il tutto eseguito rigorosamente con strumentazione acustica e tradizionale.

Il contesto in cui suonano e cantano è quello delle vie di Kinshasa, caratterizzato dalla presenza dei bambini di strada abbandonati, che si contano in diverse migliaia. Il loro nome, sheges, è quello dato ai bambini soldato che nel 1997 sono entrati nella capitale con un aspetto che richiamava quello di Che Guevara (da cui sheges). Ora chiedono la carità nelle strade, lucidano le scarpe ai passanti (come i nostri sciuscià testimoniati dal bellissimo film omonimo di De Sica) e vivono di espedienti. Accanto a questi bambini, che costituiscono la popolazione più numerosa delle strade di Kinshasa, si trovano i disabili che si aggirano con i loro tricicli, organizzati in un sindacato denominato Plateforme. Molti sheges godono della loro protezione.

Il disco, come si diceva, è affascinante, le sonorità sono gradevoli, le canzoni sono ricche di storie personali, di ricordi della comunità, di richiami alla tradizione. Tutti i brani sono stati registrati all’aperto, soprattutto nel giardino zoologico vicino al centro della capitale, con dodici microfoni che colgono ogni sfumatura della loro musica e dell’ambiente.

I musicisti dello Staff Benda Bilili si considerano i veri giornalisti di Kinshasa, poiché le loro canzoni documentano eventi della quotidianità e contengono consigli per i loro concittadini, compresa la necessità di vaccinare i bambini contro la poliomielite.

L’idea di far conoscere questa band è nata in alcuni musicisti inglesi e statunitensi (tra i quali i Massive Attack) che sono andati in Congo nel 2007 e ne sono rimasti colpiti dalla dolcezza e dall’energia sprigionata dalla loro musica.

Recensione di Gian Luca Barbieri

Staff Benda Bilili Myspace

Commenti

Post popolari in questo blog

Showcase dei Sonohra nei maggiori store d'Italia

I Sonohra, il duo formato dai fratelli veronesi Luca e Diego Fainello (entrambi chitarra acustica e voce), continuano a mietere successi. Dopo essersi aggiudicati con il brano "L'amore" la vittoria nella categoria giovani della 58ma edizione del Festival di Sanremo, il loro album d'esordio "Liberi da sempre" (pubblicato il 29 febbraio da SonyBMG) risale nella classifica FIMI-Nielsen al 6° posto dopo Jovanotti, Winehouse, Pooh, Nannini e Cammariere risultando l'album più venduto tra i giovani che hanno partecipato al festival e il secondo album più venduto (dopo Cammariere) tra gli artisti "sanremesi". Sale anche il singolo "L'amore" al 13° posto della classifica ufficiale dei singoli più scaricati.

Luca e Diego saranno protagonisti di un tour che li porterà negli store delle maggiori città italiane dove suoneranno dal vivo alcuni brani del loro album di debutto. Tutti gli iscritti alla newsletter dei Sonohra attraverso il sito leg…

Luvi De André ha classe da vendere

Guarda - Intervista di Fabio Fazio (RAI3)

Luvi De André, la figlia di Fabrizio De André, debutta al 28 posto della classifica di vendita con il primo album "Io non sono innocente" accolto con successo dalla critica e dal pubblico.

Ecco cosa ne pensa la critica:

"Una forte personalità interpretativa, una grinta notevole", Mario Luzzato Fegiz, Il Corriere della Sera.
"Ha classe da vendere", Flavio Brighenti, XL.
"Un debutto dalla sincerità feroce....le sfumature e i colori di un lavoro d'autore", Marco Mangiarotti, QN.
"Questo è solo l'inizio di strada davanti Luvi ne ha parecchia", Gigi Vesigna, Famiglia Cristiana.
"Papà sarebbe contento", Massimo Gatto, L'Avvenire.
"Atmosfere sospese, contrasti tra strappi e carezze, rabbia e dolcezza, senso dell'attesa, paura e desiderio di realizzare i sogni", Paola Maraone, Marie Claire.
"Voce forte sicura e drammatica", Marinella Venegoni, La Stampa.
"Una ra…

David Guetta: Gettin’ over you, il video su youtube

In anteprima da oggi su youtube il video del nuovo brano
“Gettin’ over you”
con Chris Willis feat. Fergie (Black Eyed Peas) e LMFAO
il 28 maggio ospite con Chris Willis ai WIND MUSIC AWARDS
live il 28 maggio a MILAno e il 29 maggio a ROMA
il 25 maggio esce “ONE LOVE – new version” (con il nuovo singolo)


David Guetta ha già pronto quello che si appresta ad essere il nuovo tormentone dell’estate: “Gettin’ over you”, il brano che vede la collaborazione del cantante americano Chris Willis, della frontwoman dei Black Eyed Peas Fergie e del duo hip hop LMFAO. Il brano verrà inserito nella nuova versione di “One Love” album di Guetta che su iTunes, dove è già disponibile, è nella Top Ten degli album più venduti in Italia.

Da oggi su youtube la premiere del video del brano che vede accanto al produttore ed artista internazionale David Guetta, a Chris Willis, a Fergie e LMFAO un cast di “party people” che ha entusiasmato il set del video a Los Angeles! Il video del brano è visibile su http://www.yout…