Passa ai contenuti principali

Nidi d'Arac, con "Salento” un’ escursione nella musica popolare Salentina


Non è il disco nuovo dei Nidi d'Arac, ma una escursione a piedi giunti nel territorio della musica popolare. Una magnifica escursione che verrebbe voglia di chiedere fosse ripetuta più spesso, anzi, il più spesso possibile. "Salento senza tempo" è da intendersi come un tributo acustico alla tradizione musicale salentina per raccontare la storia millenaria di una terra attraverso la sua musica. "La gente del sud che da padre a figlio, da generazione in generazione deve difendere, con memoria, creatività e rispetto, la propria identità nel grande mondo delle differenti culture" come dice Alessandro Coppola, anima dei Nidi d'Arac.

"Aremo rindineddah" è un brano tradizionale, uno dei brani più noti della cultura grika (la lingua della Grecia salentina, misto di greco e salentino), scritto a inizio '900, di spettacolare bellezza, ben servito dalla voce di Vera di Lecce e dal violino di Rodrigo D'Erasmo. Il brano è conosciuto su You Tube e in rete, per la versione di Carmen Consoli alla Notte della Taranta 2006. Circa la metà dei brani sono puri tradizionali come Sia benedettu ci fice lu mundu, Nnazzu nnazzu, Su rrivatu a San Frangiscu, Su vinutu luntanu luntanu, Pizzica pizzica e Pizzica tarantata. Altri, come "29 giugno" o "Salento senza tempo" sono scritti dal gruppo (da Coppola e D'Erasmo il primo, da Coppola e Claudio Prima il secondo. Ma la differenza è di carta. I brani trapassano l'uno nell'altro con un meccanismo di osmosi naturale: la tradizione deve tanto ai Nidi quanto loro devono alla tradizione.

Siamo un po' lontani dagli itinerari consueti a cui ci avevano abituato i Nidi: sono solo musiche acustiche, strumenti naturali, niente elettronica, niente contaminazione. E' musica popolare come è e come dovrebbe essere. Ossia un filone aurifero che scorre sopra la terra e che bisogna solo essere abili a rintracciare. Il risultato è mediamente incantevole: sia nei brani di nuovo conio come la splendida "29 giugno", sia nei traditional come "Su rrivato a San Frangiscu", ma più in generale non c'è un solo brano che stia sotto la soglia dell'ottimo. Alcuni arrivano a quella del commovente. Altri sono sono brevi frammenti come i 59" di "Sale e critao" o i 26" di "Mmalativa" o i 29" di "L'ecchi toi", ma non mi sentirei di rinunciare a niente di tutto ciò. Nemmeno alla briciole.

Il piacere ulteriore è vedere quanto bene tradizione e brani d'autore si miscelano, senza stacco alcuno. "Un album - come dicono loro stessi - in cui la storia e le tradizioni dell'antico e rurale Salento viene raccontata dalle sue stesse canzoni: come la title-track "Salento senza tempo" che racconta l'essenza della radicazione salentina rappresentata da un anziano signore testimone intramontabile dei passaggi generazionali, o "29 giugno" ispirata al giorno in cui, annualmente, le tarantate si recavano alla basilica di S.Paolo a Galatina per ringraziare il santo della grazia ricevuta, fino ad "Ipocharia" (in griko malessere interiore) pizzica contemporanea composta pensando allo stato di angosciante tristezza che accompagnava i tarantati".

Ma io non trascurerei "Quante tarante?" splendido brano che si fa fatica a districare dalla tradizione e la conclusiva e dolcissima "Klama" che termina l'album quasi con una senso di circolarità rispetto all'iniziale "Aremo Rindineddha". Una canzone popolare, proveniente dalle ricerche e dalla sistematizzazione del repertorio compiuta negli anni '70 e una di nuovo conio, alternate quasi con cadenza regolare, per regalarci una piccola perla di musica italiana globale come questo "Salento senza tempo". Mancano i riferimenti alla cultura araba o alle altre culture mediterranee, manca l'elettronica, manca la violenza o l'urgenza di altri lavori, rimpiazzata con un gioco di morbidezza e semplicità che appaga il cuore. Uno dei migliori lavori del 2007.


Video Story: "Danze e Onore"



Tracklist

1.Aremo Rindineddha
2.29 Giugno
3 .Salento senza tempo
4.L'ecchi toi
5.Sia benedettu ci fice lu munu
6.Nnazzu nnazzu
7.Mmalavita
8.Su rrivato a San Frangiscu
9.Sale e crita
10. Su vinutu luntanu luntanu
11. Tamburi a San Rocco
12. Quante tarante?
13. Pizzica pizzica
14. Pizzica tarantata
15. Ipocharia
16. Klama

Commenti

Post popolari in questo blog

Showcase dei Sonohra nei maggiori store d'Italia

I Sonohra, il duo formato dai fratelli veronesi Luca e Diego Fainello (entrambi chitarra acustica e voce), continuano a mietere successi. Dopo essersi aggiudicati con il brano "L'amore" la vittoria nella categoria giovani della 58ma edizione del Festival di Sanremo, il loro album d'esordio "Liberi da sempre" (pubblicato il 29 febbraio da SonyBMG) risale nella classifica FIMI-Nielsen al 6° posto dopo Jovanotti, Winehouse, Pooh, Nannini e Cammariere risultando l'album più venduto tra i giovani che hanno partecipato al festival e il secondo album più venduto (dopo Cammariere) tra gli artisti "sanremesi". Sale anche il singolo "L'amore" al 13° posto della classifica ufficiale dei singoli più scaricati.

Luca e Diego saranno protagonisti di un tour che li porterà negli store delle maggiori città italiane dove suoneranno dal vivo alcuni brani del loro album di debutto. Tutti gli iscritti alla newsletter dei Sonohra attraverso il sito leg…

Luvi De André ha classe da vendere

Guarda - Intervista di Fabio Fazio (RAI3)

Luvi De André, la figlia di Fabrizio De André, debutta al 28 posto della classifica di vendita con il primo album "Io non sono innocente" accolto con successo dalla critica e dal pubblico.

Ecco cosa ne pensa la critica:

"Una forte personalità interpretativa, una grinta notevole", Mario Luzzato Fegiz, Il Corriere della Sera.
"Ha classe da vendere", Flavio Brighenti, XL.
"Un debutto dalla sincerità feroce....le sfumature e i colori di un lavoro d'autore", Marco Mangiarotti, QN.
"Questo è solo l'inizio di strada davanti Luvi ne ha parecchia", Gigi Vesigna, Famiglia Cristiana.
"Papà sarebbe contento", Massimo Gatto, L'Avvenire.
"Atmosfere sospese, contrasti tra strappi e carezze, rabbia e dolcezza, senso dell'attesa, paura e desiderio di realizzare i sogni", Paola Maraone, Marie Claire.
"Voce forte sicura e drammatica", Marinella Venegoni, La Stampa.
"Una ra…

David Guetta: Gettin’ over you, il video su youtube

In anteprima da oggi su youtube il video del nuovo brano
“Gettin’ over you”
con Chris Willis feat. Fergie (Black Eyed Peas) e LMFAO
il 28 maggio ospite con Chris Willis ai WIND MUSIC AWARDS
live il 28 maggio a MILAno e il 29 maggio a ROMA
il 25 maggio esce “ONE LOVE – new version” (con il nuovo singolo)


David Guetta ha già pronto quello che si appresta ad essere il nuovo tormentone dell’estate: “Gettin’ over you”, il brano che vede la collaborazione del cantante americano Chris Willis, della frontwoman dei Black Eyed Peas Fergie e del duo hip hop LMFAO. Il brano verrà inserito nella nuova versione di “One Love” album di Guetta che su iTunes, dove è già disponibile, è nella Top Ten degli album più venduti in Italia.

Da oggi su youtube la premiere del video del brano che vede accanto al produttore ed artista internazionale David Guetta, a Chris Willis, a Fergie e LMFAO un cast di “party people” che ha entusiasmato il set del video a Los Angeles! Il video del brano è visibile su http://www.yout…