Passa ai contenuti principali

Pablo Ziegler: Buenos Aires Report (recensione)

Pablo Ziegler al pianoforte, Quique Sinesi alla chitarra e Walter Castro al bandoneon si sono esibiti dal vivo nel 2006 alla Bimhuis di Amsterdam. Il concerto è stato talmente entusiasmante da spingere la label Saphrane a trasferire il tutto in un cd intitolato non a caso, in riferimento alla matrice musicale e culturale del trio, Buenos Aires Report (distribuito da Egea / Felmay).

Pablo Ziegler è considerato il legittimo erede di Astor Piazzolla per reggere il gonfalone del New Tango argentino. Ha infatti lavorato per più di un decennio, tra il 1978 e il 1989, al fianco del grande Piazzola e con lui ha costruito quello stile inconfondibile che ora sviluppa in modo autonomo. Dapprima, a seguito della malattia del maestro, ha realizzato il Quintet for New Tango e poi ha suonato al fianco di innumerevoli artisti, da Milva a Gary Burton.

Quique Sinesi, chitarrista a sua volta profondamente radicato nella tradizione argentina, dal tango al candomblé, con aperture interessanti alla milonga, alle tradizioni popolari europee e al jazz, vanta a sua volta una serie di collaborazioni importanti, da Dino Saluzzi a Charlie Mariano, da Markus Stochkausen a Erling Kroner.

Walter Castro, infine, ha suonato il bandoneon, tra gli altri, con il Sexteto Menor (poi Sexteto Sur) e con il Quintet for New Tango.

L’affiatamento fra i tre musicisti, peraltro derivante da una lunga collaborazione, è impressionante, anche dal vivo, dove non ci sono trucchi di missaggio o alterazioni di sorta. Le nove tracce, sette di Ziegler, una di Sinesi e una di Piazzolla (“Libertango”) mostrano la duttilità del trio, che spazia attraverso tutte le possibili varianti atmosferiche che si possono creare con i loro strumenti. Allegria e malinconia, ritmi sostenuti e melodie lente e dolorose si alternano e si intrecciano con grande stile e altrettanta passione.

Tracklist:

1. Buenos Aires Report 5:05
2. Pajaro Angel 5:26
3. Places 6:52
4. Milonga Para Hermeto 5:01
5. Blues Porteno 7:33
6. Elegante Canyebguito 7:09
7. Muchacho De Boedo 9:33
8. Buenos Aires Dark 7:23
9. Libertango 11:34

Recensione di Gian Luca Barbieri

Commenti

Post popolari in questo blog

La fine dei cd singoli: esclusi dalle classifiche FIMI

Annunciata dalla FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana) la fine del cd singolo. Escluso dalle classifiche perchè oggetto di un mercato in via di estinzione, il cd singolo è il diretto erede del disco 45 giri in vinile che vanta un'esistenza ben più lunga e di successo.

"Da oggi, 7 gennaio 2008, la classifica dei 50 singoli più venduti, viene sostituita con quella dei brani più scaricati dalla rete. Si tratta di una svolta importante - ha spiegato Enzo Mazza, presidente della Fimi - Dal 45 giri in vinile si è passati al cd singolo ed ora al supporto 'liquido', è il segnale di un'era che si sposta verso il digitale".(via: FIMI)
Dall'esclusione dalle classifiche alla scomparsa dai negozi il passo e breve.

Se il 45 giri ha segnato la storia della musica e del costume per un lungo periodo, riconosciuto tra le icone generazionali negli anni '50/'60 (lo si trovava dappertutto.. nei jukebox, nei "mangiadischi", nei manifesti pubblicitari)…

All or Nothing at All è la prima canzone registrata da Frank Sinatra

All Or Nothing At All è una canzone scritta nel 1939. Le parole sono state scritte da Jack Lawrence ed è stata messa in musica da Arthur Altamn. Il primo artista ad interpretare questo brano fu Frank Sinatra, ed è stata la sua prima canzone registrata di tutta la sua carriera. Successivamente, venne interpretata da molti artisti fra i quali Jimmy Scott, Billie Holiday, Chet Baker, Johnny Pace, John Coltrane, Freddie Hubbard, Diana Krall, Barry Manilow, Sarah Vaughan, Ian Shaw e molti altri.


Frank Sinatra: All or Nothing at All (testo canzone)

Mariah Carey, nuovo album in uscita "The ballads"

Mentre continua il successo di E = MC2, l'album di Mariah Carey uscito nel marzo 2008, arriva la notizia di un nuovo album che raccoglie esclusivamente le sue ballate e si chiamerà (ovvio!) "The ballads".

Il disco,che uscirà in Italia il 24 ottobre, conterrà i seguenti brani:

1. "Hero"
2. "Vision Of love"
3. "Without you"
4. "Always be my baby"
5. "My all"
6. "How much"
7. "Dreamlover"
8. "Thank God I found you" (Nas and Joe) – Make It last Remix
9. "The roof"
10. "One sweet day" – Boyz II Men
11. "Anytime you need a friend"
12. "I’ll be there" – Trey Lorenz
13. "I still believe"
14. "Reflections"
15. "Open arms"
16. "Against all odds" - Westlife
17. "Endless love" – Luther Vandross
Bonus track – "All I want for Christmas".
In Gran Bretagna ed Irlanda l'album uscirà il 20 ottobre, negli USA invece nel gennaio …