Passa ai contenuti principali

Peter Ulrich: Enter the Mysterium (recensione)

Peter Ulrich: Enter the MysteriumPeter Ulrich è noto soprattutto come percussionista e batterista dei mitici Dead Can Dance, al fianco di Brendan Perry e Lisa Gerrard. Poi è un po’ sparito dalle scene, pur senza interrompere la sua ricerca. Nel 1999 ha registrato un album come solista, Pathways and Dawns, caldeggiato dallo stesso Perry, ed ora realizza la sua seconda prova solistica, Enter the Mysterium (MW Records / Felmay - ristampa 2008) (prima edizione City Canyons Records - 2005).

Il disco si colloca idealmente nel solco delle atmosfere Dead Can Dance, orientate però in una direzione personale, più intimistica, basata su alternanze tra atmosfere cupe altre più rarefatte. Il titolo è emblematico delle scelte musicali e culturali di Ulrich: si tratta di un’indagine sul mistero, su tutto ciò che sfugge alla percezione superficiale della realtà, sul lato buio e indibile della vita e delle cose. Tale viaggio viene condotto attraverso le pathways ricordate nel titolo del disco precedente, quindi non su strade rettilinee e ampie, ma percorrendo sentieri appena tracciati nel folto delle oscurità esistenziali.

La voce (usata come strumento musicale al fianco degli altri), le più svariate percussioni, il dulcimer, l’oboe, il piano, la chitarra e altri strumenti creano atmosfere che si snodano tra sonorità rinascimentali, accenti vagamente world, inserti di matrice folk, qualche tocco pop.

Nelle note per la stampa si dice che queste canzoni ”spingono l’ascoltatore dalle ombrose arcate di una cattedrale a paesaggi mozzafiato”. Non è una definizione esagerata: soprattutto in relazione alla capacità del musicista di dosare in maniera variabile il rapporto tra luce e ombra nei diversi brani dell’album, conducendoci ora in atmosfere cupe e tenebrose e di lì a poco in ambienti che costringono a strizzare gli occhi e generano vertigini.

Al fianco di Ulrich troviamo Debbie Marchant, Alison Bell, Hill Brigs, Louise e Eleanor Ulrich.

Tacklist:

1. At Mortlake 1:49
2. The Scryer & the Shewstone 5:06
3. Across the Bridge 4:55
4. Nothing but the Way 5:37
5. The Witchbottle of Suffolk 7:23
6. The True Cross 7:50
7. Kakatak Tamai 5:17
8. Another Day 7:33
9. Through Those Eyes 5:14
10. Flesh to Flame 4:35

Recensione di Gian Luca Barbieri

Commenti

Post popolari in questo blog

La fine dei cd singoli: esclusi dalle classifiche FIMI

Annunciata dalla FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana) la fine del cd singolo. Escluso dalle classifiche perchè oggetto di un mercato in via di estinzione, il cd singolo è il diretto erede del disco 45 giri in vinile che vanta un'esistenza ben più lunga e di successo.

"Da oggi, 7 gennaio 2008, la classifica dei 50 singoli più venduti, viene sostituita con quella dei brani più scaricati dalla rete. Si tratta di una svolta importante - ha spiegato Enzo Mazza, presidente della Fimi - Dal 45 giri in vinile si è passati al cd singolo ed ora al supporto 'liquido', è il segnale di un'era che si sposta verso il digitale".(via: FIMI)
Dall'esclusione dalle classifiche alla scomparsa dai negozi il passo e breve.

Se il 45 giri ha segnato la storia della musica e del costume per un lungo periodo, riconosciuto tra le icone generazionali negli anni '50/'60 (lo si trovava dappertutto.. nei jukebox, nei "mangiadischi", nei manifesti pubblicitari)…

All or Nothing at All è la prima canzone registrata da Frank Sinatra

All Or Nothing At All è una canzone scritta nel 1939. Le parole sono state scritte da Jack Lawrence ed è stata messa in musica da Arthur Altamn. Il primo artista ad interpretare questo brano fu Frank Sinatra, ed è stata la sua prima canzone registrata di tutta la sua carriera. Successivamente, venne interpretata da molti artisti fra i quali Jimmy Scott, Billie Holiday, Chet Baker, Johnny Pace, John Coltrane, Freddie Hubbard, Diana Krall, Barry Manilow, Sarah Vaughan, Ian Shaw e molti altri.


Frank Sinatra: All or Nothing at All (testo canzone)

Mariah Carey, nuovo album in uscita "The ballads"

Mentre continua il successo di E = MC2, l'album di Mariah Carey uscito nel marzo 2008, arriva la notizia di un nuovo album che raccoglie esclusivamente le sue ballate e si chiamerà (ovvio!) "The ballads".

Il disco,che uscirà in Italia il 24 ottobre, conterrà i seguenti brani:

1. "Hero"
2. "Vision Of love"
3. "Without you"
4. "Always be my baby"
5. "My all"
6. "How much"
7. "Dreamlover"
8. "Thank God I found you" (Nas and Joe) – Make It last Remix
9. "The roof"
10. "One sweet day" – Boyz II Men
11. "Anytime you need a friend"
12. "I’ll be there" – Trey Lorenz
13. "I still believe"
14. "Reflections"
15. "Open arms"
16. "Against all odds" - Westlife
17. "Endless love" – Luther Vandross
Bonus track – "All I want for Christmas".
In Gran Bretagna ed Irlanda l'album uscirà il 20 ottobre, negli USA invece nel gennaio …