Passa ai contenuti principali

Oana Catalina Chitu: Bucharest Tango (recensione album)

Bucharest Tango - cd coverAl di fuori dei soliti circuiti commerciali, si possono trovare proposte musicali interessanti e degne di attenzione. È il caso di un cd di una cantante rumena pressoché sconosciuta in Italia, Oana Catalina Chitu, che dagli anni Novanta vive a Berlino. Il cd, prodotto dall’etichetta tedesca “Asphalt Tango Records” (che fa riferimento in Italia a Materiali Sonori), si intitola “Bucharest Tango” e comprende le musiche di uno spettacolo teatrale portato in scena con grande successo in Germania e finanziato dall’Istituto Culturale Rumeno di Berlino.

Oana Catalina Chitu è una giovane cantante che ha trascorso i primi anni della vita nella sua terra d’origine, dalla quale è emigrata dopo la caduta del muro di Berlino per sottrarsi al caos che ha accompagnato, soprattutto nei paesi dell’Est, la crisi del comunismo.

Ha studiato pianoforte, jazz e canto lirico, poi si è dedicata alla ricerca e alla riproposta delle musiche che erano state messe al bando dal regime socialista perché giudicate troppo decadenti e inadatte all’immagine trionfalistica che il regime voleva diffondere attraverso ogni forma di pubblicità e di imposizione. Uno dei primi generi musicali messi al bando è stato il tango, la cui scomparsa risale al 1947, quando il re è stato costretto ad abdicare. A partire da quell’anno le migliori voci del tango romeno sono sparite, o perché emigrate, come Jean Moscopol, o perché ridotte al silenzio, come Christian Vasile.

Ecco dunque la necessità di realizzare un progetto culturale, non solo musicale, che riprendesse questo genere musicale e lo riproponesse, abbinando la fedeltà dell’esecuzione e il rispetto filologico a interpretazioni nuove e intriganti. È così che è nato “Bucharest Tango”, spettacolo e poi disco, che riprende quelle musiche che negli anni Trenta venivano eseguite nei parchi, nei caffè e nei club della capitale della Romania e che costituivano un tratto essenziale della cultura e dell’atmosfera di quell’epoca. Mescolati a questi tanghi alcune ballate folk di Maria Tanase, considerata la Edith Piaf romena.

Oana è nata nella Romania rurale ed è cresciuta ascoltando queste musiche tradizionali, soprattutto dai gracchianti 78 giri dei suoi parenti, e da allora è nato il suo amore per il cosiddetto “tango a la romanesque” e per Maria Tanase. Oggi che anche la Romania, nell’era della globalizzazione, è invasa dal pop più elettronico omologato che ha colonizzato i gusti musicali dei giovani di ogni parte del mondo, la riscoperta del tango si pone come un’importante scelta controcorrente.

Al fianco della cantante, troviamo Anton Slavic al violino, Valeriu Cascaval al cembalo, Dejan Jovanovic alla fisarmonica, Alexej Wagner alla chitarra, Alexander Franz al contrabbasso, Dimitris Christides alle percussioni e Vladimir Karparov al sax e clarinetto.

Recensione di Gian Luca Barbieri

Commenti

Post popolari in questo blog

All or Nothing at All è la prima canzone registrata da Frank Sinatra

All Or Nothing At All è una canzone scritta nel 1939. Le parole sono state scritte da Jack Lawrence ed è stata messa in musica da Arthur Altamn. Il primo artista ad interpretare questo brano fu Frank Sinatra, ed è stata la sua prima canzone registrata di tutta la sua carriera. Successivamente, venne interpretata da molti artisti fra i quali Jimmy Scott, Billie Holiday, Chet Baker, Johnny Pace, John Coltrane, Freddie Hubbard, Diana Krall, Barry Manilow, Sarah Vaughan, Ian Shaw e molti altri.


Frank Sinatra: All or Nothing at All (testo canzone)

La fine dei cd singoli: esclusi dalle classifiche FIMI

Annunciata dalla FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana) la fine del cd singolo. Escluso dalle classifiche perchè oggetto di un mercato in via di estinzione, il cd singolo è il diretto erede del disco 45 giri in vinile che vanta un'esistenza ben più lunga e di successo.

"Da oggi, 7 gennaio 2008, la classifica dei 50 singoli più venduti, viene sostituita con quella dei brani più scaricati dalla rete. Si tratta di una svolta importante - ha spiegato Enzo Mazza, presidente della Fimi - Dal 45 giri in vinile si è passati al cd singolo ed ora al supporto 'liquido', è il segnale di un'era che si sposta verso il digitale".(via: FIMI)
Dall'esclusione dalle classifiche alla scomparsa dai negozi il passo e breve.

Se il 45 giri ha segnato la storia della musica e del costume per un lungo periodo, riconosciuto tra le icone generazionali negli anni '50/'60 (lo si trovava dappertutto.. nei jukebox, nei "mangiadischi", nei manifesti pubblicitari)…

Giorgia e Marco Mengoni: Come Neve, l’incontro artistico di due voci incredibili

Due artisti straordinari. Due interpreti inconfondibili. GIORGIA e MARCO MENGONI insieme per la prima volta in duetto nel brano inedito “COME NEVE”, il nuovo singolo in radio e in digitale da venerdì 1 dicembre.

“COME NEVE”, che segna l’incontro artistico di due voci incredibili, è un brano dal testo delicato e poetico, una richiesta d’aiuto per riuscire ad affrontare le cadute della vita senza farsi troppo male, con la stessa leggerezza della neve, e allo stesso tempo mascherare il proprio dolore agli altri, nascondendolo dietro a un’apparenza distorta.

Come Neve Video
 Il singolo (scritto da Tony Maiello, Davide Simonetta, Giorgia e Marco Mengoni) anticipa l’uscita di “ORONERO LIVE” (Microphonica/Sony Music Italy), disponibile in tutti i negozi dal 19 gennaio anche in versione deluxe, ed è uno dei nuovi brani inediti prodotti da Michele Canova.

Come Neve Testo Canzone