Passa ai contenuti principali

Staff Benda Bilili: Très très fort (recensione album)

Staff Benda BililiIl nome Staff Benda Bilili non è noto, ma è degno di grande attenzione. Si tratta di una band a dir poco interessante, che va conosciuta e ascoltata. È composta da otto musicisti di strada che hanno una particolarità: sono tutti paraplegici e vivono nei dintorni dello zoo di Kinshasa, in Congo. Il più giovane, considerato il virtuoso del gruppo, ha 17 anni e suona la chitarra; il più anziano ne ha 55. Si muovono su eccentrici e fantasiosi tricicli artigianali, dalle fogge personalizzate.

Ora hanno realizzato un cd di notevole pregio, “Très très fort”, edito dall’etichetta belga Crammed Disc, che per l’Italia si appoggia a Materiali sonori.

Nella loro musica si intrecciano sonorità che hanno le loro radici nella cultura locale, pur espandendosi fino a contenere echi cubani, rhythm and blues, reggae e funky. Il tutto eseguito rigorosamente con strumentazione acustica e tradizionale.

Il contesto in cui suonano e cantano è quello delle vie di Kinshasa, caratterizzato dalla presenza dei bambini di strada abbandonati, che si contano in diverse migliaia. Il loro nome, sheges, è quello dato ai bambini soldato che nel 1997 sono entrati nella capitale con un aspetto che richiamava quello di Che Guevara (da cui sheges). Ora chiedono la carità nelle strade, lucidano le scarpe ai passanti (come i nostri sciuscià testimoniati dal bellissimo film omonimo di De Sica) e vivono di espedienti. Accanto a questi bambini, che costituiscono la popolazione più numerosa delle strade di Kinshasa, si trovano i disabili che si aggirano con i loro tricicli, organizzati in un sindacato denominato Plateforme. Molti sheges godono della loro protezione.

Il disco, come si diceva, è affascinante, le sonorità sono gradevoli, le canzoni sono ricche di storie personali, di ricordi della comunità, di richiami alla tradizione. Tutti i brani sono stati registrati all’aperto, soprattutto nel giardino zoologico vicino al centro della capitale, con dodici microfoni che colgono ogni sfumatura della loro musica e dell’ambiente.

I musicisti dello Staff Benda Bilili si considerano i veri giornalisti di Kinshasa, poiché le loro canzoni documentano eventi della quotidianità e contengono consigli per i loro concittadini, compresa la necessità di vaccinare i bambini contro la poliomielite.

L’idea di far conoscere questa band è nata in alcuni musicisti inglesi e statunitensi (tra i quali i Massive Attack) che sono andati in Congo nel 2007 e ne sono rimasti colpiti dalla dolcezza e dall’energia sprigionata dalla loro musica.

Recensione di Gian Luca Barbieri

Staff Benda Bilili Myspace

Commenti

Post popolari in questo blog

All or Nothing at All è la prima canzone registrata da Frank Sinatra

All Or Nothing At All è una canzone scritta nel 1939. Le parole sono state scritte da Jack Lawrence ed è stata messa in musica da Arthur Altamn. Il primo artista ad interpretare questo brano fu Frank Sinatra, ed è stata la sua prima canzone registrata di tutta la sua carriera. Successivamente, venne interpretata da molti artisti fra i quali Jimmy Scott, Billie Holiday, Chet Baker, Johnny Pace, John Coltrane, Freddie Hubbard, Diana Krall, Barry Manilow, Sarah Vaughan, Ian Shaw e molti altri.


Frank Sinatra: All or Nothing at All (testo canzone)

La fine dei cd singoli: esclusi dalle classifiche FIMI

Annunciata dalla FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana) la fine del cd singolo. Escluso dalle classifiche perchè oggetto di un mercato in via di estinzione, il cd singolo è il diretto erede del disco 45 giri in vinile che vanta un'esistenza ben più lunga e di successo.

"Da oggi, 7 gennaio 2008, la classifica dei 50 singoli più venduti, viene sostituita con quella dei brani più scaricati dalla rete. Si tratta di una svolta importante - ha spiegato Enzo Mazza, presidente della Fimi - Dal 45 giri in vinile si è passati al cd singolo ed ora al supporto 'liquido', è il segnale di un'era che si sposta verso il digitale".(via: FIMI)
Dall'esclusione dalle classifiche alla scomparsa dai negozi il passo e breve.

Se il 45 giri ha segnato la storia della musica e del costume per un lungo periodo, riconosciuto tra le icone generazionali negli anni '50/'60 (lo si trovava dappertutto.. nei jukebox, nei "mangiadischi", nei manifesti pubblicitari)…

Giorgia e Marco Mengoni: Come Neve, l’incontro artistico di due voci incredibili

Due artisti straordinari. Due interpreti inconfondibili. GIORGIA e MARCO MENGONI insieme per la prima volta in duetto nel brano inedito “COME NEVE”, il nuovo singolo in radio e in digitale da venerdì 1 dicembre.

“COME NEVE”, che segna l’incontro artistico di due voci incredibili, è un brano dal testo delicato e poetico, una richiesta d’aiuto per riuscire ad affrontare le cadute della vita senza farsi troppo male, con la stessa leggerezza della neve, e allo stesso tempo mascherare il proprio dolore agli altri, nascondendolo dietro a un’apparenza distorta.

Come Neve Video
 Il singolo (scritto da Tony Maiello, Davide Simonetta, Giorgia e Marco Mengoni) anticipa l’uscita di “ORONERO LIVE” (Microphonica/Sony Music Italy), disponibile in tutti i negozi dal 19 gennaio anche in versione deluxe, ed è uno dei nuovi brani inediti prodotti da Michele Canova.

Come Neve Testo Canzone