martedì, novembre 21, 2006

Fergie: nuovo video e singolo

FergieUN VIDEO E UN SINGOLO DELIZIOSI... ANZI: FERGALICIOUS!

Ancora in tour coi Black Eyed Peas (novembre è stata la volta del Sud America) e dopo aver sedotto (non solo) le guardie della Regina in London Bridge (tuttora tra i brani più scaricati telefonicamente e in rete con oltre un milione di downloads nei soli Stati Uniti) Fergie ha completato il suo secondo coloratissimo e golosissimo video solista. Fergalicious diretto da Fatima Robinson (la stessa di Hey Mama) è ispirato a Willy Wonka il curioso potagonista del film ‘La Fabbrica di cioccolato’ interpretato da Johnny Deep nel film.. e da Will.I.am nel video che veste i panni di ‘Willy Chunka’. Mentre il nuovo singolo Fergalicious è al numero 3 da due settimane dei singoli più caldi su Billboard, il video - già esclusiva su MTV Italia la scorsa settimana – sarà in onda su tutti i canali musicali e disponibile online dal 20 novembre.

Curiosità: nel video compare un piccolo nuovo gioiello della tecnologia. In linea con lo spirito libero ed iper tecnologico che da sempre contraddistingue i Black Eyed Peas, Fergie si fa promotrice del nuovo lettore MP3 antagonista dell’iPod: l’MP3reedom player K5 della Samsung che tramite un sistema di speakers incorporati permette la condivisione della propria musica senza collegarsi a ulteriori accessori. [Vedi il player]

Nel frattempo la stampa scopre i molti talenti di Fergie la Duchessa-cantante dei Black Eyed Peas sfoderati nel suo album primo solista ‘The Dutchess’ : oltre mezzo milione di copie vendute negli States, da 6 settimane in top 10…in Giappone!

ASSOCIATED PRESS - Fergie mostra stile e versatilità autonomi nel suo debutto solista The Dutchess che salta agilmente da un genere all’altro. Con The Dutchess Fergie dà prova di essere una cantante dai molti talenti, meritevole dello status di solista.

ENTERTAINMENT WEEKLY - Su The Dutchess conserva il dono comprovato (dei Black Eyed Peas) per melodie indelebili…dà prova di essere ugualmente esperta di ritmi profondamente reggae, vertiginose improvvisazioni riempipista e ballate ferventi.

BOSTON GLOBE - The Dutchess è instancabilmente invitante. Non c’è una traccia deprecabile nel mazzo e Fergie prende punti per quell’indulgere senza paura ad una gamma di stili musicali che procede in direzione opposta a quanto suggerisce l’intuito. Ma per parafrasare il primo di ciò che sicuramente è un pugno di successi dirompenti, scende, facilmente, ogni volta.

TIME OUT NY - Il vero motivo per cui The Dutchess funziona così bene è perché punta il dito ai puristi del genere…l’album è completamente coerente come artefatto pop, quello fatto da qualcuno che ovviamente ama far stare bene i suoi ascoltatori.

NY TIMES - L’album ha qualcosa per ognuno.

PHILADELPHIA ENQUIRER -…come The Dutchess chiarisce abbondantemente Fergie desidera gettarsi sinceramente e onestamente a capofitto in ogni cosa: il maestoso inno Finally, lo ska Voodoo Doll, il sensuale euro pop di Velvet, persino lo schizoide reggae punk di Mary Jane Shoes che vede Rita Marley e The I Trees ai cori.

1 commento:

Anonimo ha detto...

w fergie
the dutchess è bellissimo