mercoledì, gennaio 30, 2008

Disco di platino? Sempre meno importante

La crisi del mercato discografico è ormai nota e sembra destinata a porre in tempi brevi la parola fine ai cd musicali. Se poi guardiamo al mercato italiano, ben più ristretto di quello degli States o dell'UK, la condizione è ancora peggiore. L'ultima notizia allarmante arriva direttamente dalla FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana).


Visto il continuo regredire del mercato discografico sono stati ritoccati i parametri per conseguire il disco d'oro, quello di platino e di diamante, per quanto riguarda il nostro paese:
Disco d'Oro: 35 mila album venduti (dal 2005 ad oggi 40 mila)
Disco di Platino: 70 mila album venduti (dal 2005 ad oggi 80 mila)
Disco di Diamante: 350 mila album venduti (dal 2005 ad oggi 400 mila).

Restano immutate le cifre per il mercato dei singoli, 10 mila per l’oro e 20 mila per il platino, che tra l'altro sono stati esclusi dalla classifica FIMI-ACNielsen a favore della più significativa classifica dei download.

Le condizioni in vigore prima del 2005 danno la misura dell’arretramento del mercato: fino ad allora per aggiudicarsi il disco d’oro bisognava vendere 50 mila copie di un album, e 100 mila per ottenere il platino.

D'ora innanzi quando sentirete annunciare con toni trionfalistici "doppio disco di platino.." avete qualche parametro in più per valutare l'effettivo successo del disco.

1 commento:

Marco Grande Arbitro ha detto...

Concordo...ormai li prendono tutti!
Pure Giggione!
Se nn sapete chi è scrivetelo su Google !