Passa ai contenuti principali

Klezmer Alliance: Mir Basaraber (recensione)

Klezmer AllianceKlezmer Alliance è una band che gravita intorno al suo pirotecnico cantante di origine moldava, Efim Chorny. Il cd Mir Basaraber, prodotto da Oriente Musik e distribuito in Italia da Felmay, è un percorso all’interno delle sonorità caratteristiche della musica klezmer, espressione di quel particolare aspetto della cultura ebraica che è stata studiata e ripercorsa anche musicalmente da alcuni gruppi italiani, tra i quali i più noti sono i bravissimi KlezRoym.

In via preliminare è forse opportuno chiarire cosa si intenda con il termine “musica klezmer”. Si tratta di un genere musicale di tradizione ebraica, il cui nome nasce dalla fusione delle parole “kley” e “zemer”, che significano “strumento del canto”. Il klezmer fonde in sé strutture melodiche, espressive e ritmi che provengono dalle diverse aree geografiche e culturali con cui il popolo ebraico è venuto in contatto: ad esempio l’area balcanica, quella polacca e quella russa. Sono musiche che accompagnano cerimonie come matrimoni e funerali ma anche semplici momenti della vita quotidiana. Nella sua forma più pura, il klezmer ruota intorno al violino, affiancato poi gradualmente dai fiati (clarinetto, tromba e ottoni in genere) e dalle percussioni. Le diverse formazioni poi se ne sono appropriate rispettandone i riferimenti ritmici e musicali, ma variando la strumentazione con una certa libertà.

La Klezmer Alliance schiera, al fianco di Chorny, un manipolo di musicisti tra i migliori della scena klezmer, recuperati da ogni parte dell’Europa: Susan Ghergus (piano), Berl Spehl (clarinetti), Thomas Fritze (contrabbasso), Andreas Schmitges (chitarra, mandolino, danza) e Guy Schalom (batteria).
L’habitat naturale di questa band è il palcoscenico, l’esibizione live. Le loro musiche infatti si trasmettono, ancor prima che alla componente spirituale o a quella razionale dell’ascoltatore, direttamente alle gambe. I ritmi entrano sotto pelle e fanno sì che da esseri umani ci si trasformi nei topolini del pifferaio magico, che ipnotizzati dalla sua musica si sono messi a seguirlo senza poter opporre alcuna volontà. Va detto in ogni caso che l’energia dei 17 brani dell’album non viene immiserita e limitata più di tanto dall’esecuzione in studio. Al fianco delle tracce più trascinanti ci sono anche alcune canzoni più malinconiche e tristi, che rappresentano l’altra faccia di questa musica, che in un caso come nell’altro tocca le corde del cuore.

Tracklist:
1. A Gutn Ovnt 01:14
2. Moldovan Sirbas 01:38
3. Dos Bisele Shpayz 04:23
4. Tsigele-Migele 03:15
5. Doyne 04:40
6. Sara Mandrika 04:14
7. Chassidic Suite, part 1 06:22
8. Chassidic Suite, part 2 04:10
9. Mir Basaraber 04:29
10. S’iz Fintster In Gas 02:24
11. Homentashn 04:44
12. Guy Goes Meshugge 10:07
13. Dute, Dute, Dorule / Bade, Ciobănaş La Oi 07:29
14. Monarkhishe Idilie 03:37
15. Haynt Iz Purim Brider 06:37
16. Vus Iz A Doyne? 04:41
17. A Gute Nakht 01:26

Klezmer Alliance sito ufficiale - myspace

Recensione di Gian Luca Barbieri

Commenti

Post popolari in questo blog

La fine dei cd singoli: esclusi dalle classifiche FIMI

Annunciata dalla FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana) la fine del cd singolo. Escluso dalle classifiche perchè oggetto di un mercato in via di estinzione, il cd singolo è il diretto erede del disco 45 giri in vinile che vanta un'esistenza ben più lunga e di successo.

"Da oggi, 7 gennaio 2008, la classifica dei 50 singoli più venduti, viene sostituita con quella dei brani più scaricati dalla rete. Si tratta di una svolta importante - ha spiegato Enzo Mazza, presidente della Fimi - Dal 45 giri in vinile si è passati al cd singolo ed ora al supporto 'liquido', è il segnale di un'era che si sposta verso il digitale".(via: FIMI)
Dall'esclusione dalle classifiche alla scomparsa dai negozi il passo e breve.

Se il 45 giri ha segnato la storia della musica e del costume per un lungo periodo, riconosciuto tra le icone generazionali negli anni '50/'60 (lo si trovava dappertutto.. nei jukebox, nei "mangiadischi", nei manifesti pubblicitari)…

All or Nothing at All è la prima canzone registrata da Frank Sinatra

All Or Nothing At All è una canzone scritta nel 1939. Le parole sono state scritte da Jack Lawrence ed è stata messa in musica da Arthur Altamn. Il primo artista ad interpretare questo brano fu Frank Sinatra, ed è stata la sua prima canzone registrata di tutta la sua carriera. Successivamente, venne interpretata da molti artisti fra i quali Jimmy Scott, Billie Holiday, Chet Baker, Johnny Pace, John Coltrane, Freddie Hubbard, Diana Krall, Barry Manilow, Sarah Vaughan, Ian Shaw e molti altri.


Frank Sinatra: All or Nothing at All (testo canzone)

Mariah Carey, nuovo album in uscita "The ballads"

Mentre continua il successo di E = MC2, l'album di Mariah Carey uscito nel marzo 2008, arriva la notizia di un nuovo album che raccoglie esclusivamente le sue ballate e si chiamerà (ovvio!) "The ballads".

Il disco,che uscirà in Italia il 24 ottobre, conterrà i seguenti brani:

1. "Hero"
2. "Vision Of love"
3. "Without you"
4. "Always be my baby"
5. "My all"
6. "How much"
7. "Dreamlover"
8. "Thank God I found you" (Nas and Joe) – Make It last Remix
9. "The roof"
10. "One sweet day" – Boyz II Men
11. "Anytime you need a friend"
12. "I’ll be there" – Trey Lorenz
13. "I still believe"
14. "Reflections"
15. "Open arms"
16. "Against all odds" - Westlife
17. "Endless love" – Luther Vandross
Bonus track – "All I want for Christmas".
In Gran Bretagna ed Irlanda l'album uscirà il 20 ottobre, negli USA invece nel gennaio …