Passa ai contenuti principali

"Uno" è il titolo del nuovo album dei Marlene Kuntz


Sono pochi gli artisti, soprattutto in Italia, che si allontanano da una formula di successo. Sono pochi gli artisti che riescono davvero a crescere senza paura di perdere pubblico. Dalla formula degli esordi, quella che li ha consacrati come una delle due band di punta del rock italiano insieme agli Afterhours, i Marlene Kuntz si stanno progressivamente allontanando da tempo. “Uno” è ancora più deciso su questa strada, dopo “Bianco sporco” e dopo il live “S-Low”. Ma non spaventatevi: i Marlene ci regalano un altro piccolo grande capolavoro.

“Uno” è un disco in cui le chitarre, peraltro, ci sono. Ma si accompagnano ad uno spettro sonoro che la band cuneese non ha mai avuto: piano, archi, cori, chitarre acustiche. Il tutto unito in un impasto originale, spesso inaspettato. Ecco: “Uno” è un disco che più che i Sonic Youth sembra avere come riferimento i Radiohead: non tanto nei suoni ma nello spirito sperimentale. E' un disco frutto di lavoro di studio (sentitevi l'impasto voce e archi di “Stato d'animo”) più che di un suono live, e con la precisa convinzione che la sperimentazione non deve prendere troppo spazio, perché il trio Godano/Bergia/Tesio (supportato da Gianni Maroccolo, alla produzione oltre che al basso) non perde troppo di vista la forma canzone, come spesso è successo ai Radiohead.

Così troviamo la splendida “Musa”, graziata dal piano di Paolo Conte, qualche accenno di rock (“Sapore di miele” e la bellissima “Fantasmi”, che a qualcuno potrà ricordare Capossela, ma che sembra invece richiamarsi al desert-rock dei Thin White Rope, ormai dimenticata grande band degli anni '80), ma anche eteree ballate come “Canzone ecologica”, addirittura la bossanova in “Negli abissi tra i palpiti”. Il tutto condito da ospiti quanti mai i Marlene ne hanno avuti (oltre a Conte il bassista di Tom Waits Greg Cohen, il pianista Vittorio Cosma, la voce di Ivana Gatti) e da una vena lirica di Godano molto intensa, ispirata nel titolo del disco e nei testi dedicati all'attenzione al rapporto uomo-donna dallo scrittore russo Nabokov.
Insomma, i Marlene osano. E fanno bene, non solo a livello ideale: perché “Uno” è un disco che darà molte soddisfazioni a chi saprà ascoltarlo. Da “grande realtà del rock italiano” a “grande realtà della canzone italiana”, senza troppe etichette e pregiudizi.

Video Story: “Canzone di Oggi”



Tracklist:

01.Canto
02.Musa
03.111
04.Canzone Ecologica
05.Fantasmi
06. La ballata Dll'Ignavo
07.Abbracciami
08.Sapore di Miele
09.Canzone Sensuale
10. Negli Abissi fra i Palpiti
11.Stato D'Animo
12.Uno

Commenti

Post popolari in questo blog

All or Nothing at All è la prima canzone registrata da Frank Sinatra

All Or Nothing At All è una canzone scritta nel 1939. Le parole sono state scritte da Jack Lawrence ed è stata messa in musica da Arthur Altamn. Il primo artista ad interpretare questo brano fu Frank Sinatra, ed è stata la sua prima canzone registrata di tutta la sua carriera. Successivamente, venne interpretata da molti artisti fra i quali Jimmy Scott, Billie Holiday, Chet Baker, Johnny Pace, John Coltrane, Freddie Hubbard, Diana Krall, Barry Manilow, Sarah Vaughan, Ian Shaw e molti altri.


Frank Sinatra: All or Nothing at All (testo canzone)

La fine dei cd singoli: esclusi dalle classifiche FIMI

Annunciata dalla FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana) la fine del cd singolo. Escluso dalle classifiche perchè oggetto di un mercato in via di estinzione, il cd singolo è il diretto erede del disco 45 giri in vinile che vanta un'esistenza ben più lunga e di successo.

"Da oggi, 7 gennaio 2008, la classifica dei 50 singoli più venduti, viene sostituita con quella dei brani più scaricati dalla rete. Si tratta di una svolta importante - ha spiegato Enzo Mazza, presidente della Fimi - Dal 45 giri in vinile si è passati al cd singolo ed ora al supporto 'liquido', è il segnale di un'era che si sposta verso il digitale".(via: FIMI)
Dall'esclusione dalle classifiche alla scomparsa dai negozi il passo e breve.

Se il 45 giri ha segnato la storia della musica e del costume per un lungo periodo, riconosciuto tra le icone generazionali negli anni '50/'60 (lo si trovava dappertutto.. nei jukebox, nei "mangiadischi", nei manifesti pubblicitari)…

Giorgia e Marco Mengoni: Come Neve, l’incontro artistico di due voci incredibili

Due artisti straordinari. Due interpreti inconfondibili. GIORGIA e MARCO MENGONI insieme per la prima volta in duetto nel brano inedito “COME NEVE”, il nuovo singolo in radio e in digitale da venerdì 1 dicembre.

“COME NEVE”, che segna l’incontro artistico di due voci incredibili, è un brano dal testo delicato e poetico, una richiesta d’aiuto per riuscire ad affrontare le cadute della vita senza farsi troppo male, con la stessa leggerezza della neve, e allo stesso tempo mascherare il proprio dolore agli altri, nascondendolo dietro a un’apparenza distorta.

Come Neve Video
 Il singolo (scritto da Tony Maiello, Davide Simonetta, Giorgia e Marco Mengoni) anticipa l’uscita di “ORONERO LIVE” (Microphonica/Sony Music Italy), disponibile in tutti i negozi dal 19 gennaio anche in versione deluxe, ed è uno dei nuovi brani inediti prodotti da Michele Canova.

Come Neve Testo Canzone