Passa ai contenuti principali

Nidi d'Arac, con "Salento” un’ escursione nella musica popolare Salentina


Non è il disco nuovo dei Nidi d'Arac, ma una escursione a piedi giunti nel territorio della musica popolare. Una magnifica escursione che verrebbe voglia di chiedere fosse ripetuta più spesso, anzi, il più spesso possibile. "Salento senza tempo" è da intendersi come un tributo acustico alla tradizione musicale salentina per raccontare la storia millenaria di una terra attraverso la sua musica. "La gente del sud che da padre a figlio, da generazione in generazione deve difendere, con memoria, creatività e rispetto, la propria identità nel grande mondo delle differenti culture" come dice Alessandro Coppola, anima dei Nidi d'Arac.

"Aremo rindineddah" è un brano tradizionale, uno dei brani più noti della cultura grika (la lingua della Grecia salentina, misto di greco e salentino), scritto a inizio '900, di spettacolare bellezza, ben servito dalla voce di Vera di Lecce e dal violino di Rodrigo D'Erasmo. Il brano è conosciuto su You Tube e in rete, per la versione di Carmen Consoli alla Notte della Taranta 2006. Circa la metà dei brani sono puri tradizionali come Sia benedettu ci fice lu mundu, Nnazzu nnazzu, Su rrivatu a San Frangiscu, Su vinutu luntanu luntanu, Pizzica pizzica e Pizzica tarantata. Altri, come "29 giugno" o "Salento senza tempo" sono scritti dal gruppo (da Coppola e D'Erasmo il primo, da Coppola e Claudio Prima il secondo. Ma la differenza è di carta. I brani trapassano l'uno nell'altro con un meccanismo di osmosi naturale: la tradizione deve tanto ai Nidi quanto loro devono alla tradizione.

Siamo un po' lontani dagli itinerari consueti a cui ci avevano abituato i Nidi: sono solo musiche acustiche, strumenti naturali, niente elettronica, niente contaminazione. E' musica popolare come è e come dovrebbe essere. Ossia un filone aurifero che scorre sopra la terra e che bisogna solo essere abili a rintracciare. Il risultato è mediamente incantevole: sia nei brani di nuovo conio come la splendida "29 giugno", sia nei traditional come "Su rrivato a San Frangiscu", ma più in generale non c'è un solo brano che stia sotto la soglia dell'ottimo. Alcuni arrivano a quella del commovente. Altri sono sono brevi frammenti come i 59" di "Sale e critao" o i 26" di "Mmalativa" o i 29" di "L'ecchi toi", ma non mi sentirei di rinunciare a niente di tutto ciò. Nemmeno alla briciole.

Il piacere ulteriore è vedere quanto bene tradizione e brani d'autore si miscelano, senza stacco alcuno. "Un album - come dicono loro stessi - in cui la storia e le tradizioni dell'antico e rurale Salento viene raccontata dalle sue stesse canzoni: come la title-track "Salento senza tempo" che racconta l'essenza della radicazione salentina rappresentata da un anziano signore testimone intramontabile dei passaggi generazionali, o "29 giugno" ispirata al giorno in cui, annualmente, le tarantate si recavano alla basilica di S.Paolo a Galatina per ringraziare il santo della grazia ricevuta, fino ad "Ipocharia" (in griko malessere interiore) pizzica contemporanea composta pensando allo stato di angosciante tristezza che accompagnava i tarantati".

Ma io non trascurerei "Quante tarante?" splendido brano che si fa fatica a districare dalla tradizione e la conclusiva e dolcissima "Klama" che termina l'album quasi con una senso di circolarità rispetto all'iniziale "Aremo Rindineddha". Una canzone popolare, proveniente dalle ricerche e dalla sistematizzazione del repertorio compiuta negli anni '70 e una di nuovo conio, alternate quasi con cadenza regolare, per regalarci una piccola perla di musica italiana globale come questo "Salento senza tempo". Mancano i riferimenti alla cultura araba o alle altre culture mediterranee, manca l'elettronica, manca la violenza o l'urgenza di altri lavori, rimpiazzata con un gioco di morbidezza e semplicità che appaga il cuore. Uno dei migliori lavori del 2007.


Video Story: "Danze e Onore"



Tracklist

1.Aremo Rindineddha
2.29 Giugno
3 .Salento senza tempo
4.L'ecchi toi
5.Sia benedettu ci fice lu munu
6.Nnazzu nnazzu
7.Mmalavita
8.Su rrivato a San Frangiscu
9.Sale e crita
10. Su vinutu luntanu luntanu
11. Tamburi a San Rocco
12. Quante tarante?
13. Pizzica pizzica
14. Pizzica tarantata
15. Ipocharia
16. Klama

Commenti

Post popolari in questo blog

All or Nothing at All è la prima canzone registrata da Frank Sinatra

All Or Nothing At All è una canzone scritta nel 1939. Le parole sono state scritte da Jack Lawrence ed è stata messa in musica da Arthur Altamn. Il primo artista ad interpretare questo brano fu Frank Sinatra, ed è stata la sua prima canzone registrata di tutta la sua carriera. Successivamente, venne interpretata da molti artisti fra i quali Jimmy Scott, Billie Holiday, Chet Baker, Johnny Pace, John Coltrane, Freddie Hubbard, Diana Krall, Barry Manilow, Sarah Vaughan, Ian Shaw e molti altri.


Frank Sinatra: All or Nothing at All (testo canzone)

La fine dei cd singoli: esclusi dalle classifiche FIMI

Annunciata dalla FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana) la fine del cd singolo. Escluso dalle classifiche perchè oggetto di un mercato in via di estinzione, il cd singolo è il diretto erede del disco 45 giri in vinile che vanta un'esistenza ben più lunga e di successo.

"Da oggi, 7 gennaio 2008, la classifica dei 50 singoli più venduti, viene sostituita con quella dei brani più scaricati dalla rete. Si tratta di una svolta importante - ha spiegato Enzo Mazza, presidente della Fimi - Dal 45 giri in vinile si è passati al cd singolo ed ora al supporto 'liquido', è il segnale di un'era che si sposta verso il digitale".(via: FIMI)
Dall'esclusione dalle classifiche alla scomparsa dai negozi il passo e breve.

Se il 45 giri ha segnato la storia della musica e del costume per un lungo periodo, riconosciuto tra le icone generazionali negli anni '50/'60 (lo si trovava dappertutto.. nei jukebox, nei "mangiadischi", nei manifesti pubblicitari)…

Giorgia e Marco Mengoni: Come Neve, l’incontro artistico di due voci incredibili

Due artisti straordinari. Due interpreti inconfondibili. GIORGIA e MARCO MENGONI insieme per la prima volta in duetto nel brano inedito “COME NEVE”, il nuovo singolo in radio e in digitale da venerdì 1 dicembre.

“COME NEVE”, che segna l’incontro artistico di due voci incredibili, è un brano dal testo delicato e poetico, una richiesta d’aiuto per riuscire ad affrontare le cadute della vita senza farsi troppo male, con la stessa leggerezza della neve, e allo stesso tempo mascherare il proprio dolore agli altri, nascondendolo dietro a un’apparenza distorta.

Come Neve Video
 Il singolo (scritto da Tony Maiello, Davide Simonetta, Giorgia e Marco Mengoni) anticipa l’uscita di “ORONERO LIVE” (Microphonica/Sony Music Italy), disponibile in tutti i negozi dal 19 gennaio anche in versione deluxe, ed è uno dei nuovi brani inediti prodotti da Michele Canova.

Come Neve Testo Canzone